EMERGENZA LUDOPATIA IN VENETO, NECESSARIO RAFFORZARE IL RUOLO DEI COMUNI

Share

La diffusione del gioco d’azzardo nel nostro Paese, e in particolare nella Regione Venetoterza regione in quanto a giro d’affari – sta toccando livelli emergenziali, tanto che comunità come quella di Musile di Piave sono diventate, come emerge anche confrontando i dati dell’Espresso , un vero e proprio caso nazionale per il volume di soldi incassati e per il numero di giocate e apparecchi disponibili (rispettivamente oltre 3 mila giocate e  10,40 apparecchi per mille abitanti nel 2016), anche a causa della presenza di una grande sala giochi che funge da calamita per il veneziano, soprattutto tra le fasce più deboli della popolazione, più soggette a forme di ludopatia.

Ritengo non più sufficiente il semplice controllo del fenomeno – come è stato detto recentemente dal sindaco di Musile  – per arginarne la diffusione: credo che invece sia necessario ingaggiare una vera e propria battaglia, a partire dal livello istituzionale degli enti locali – per contrastare quella che è diventata una profonda ferita nella nostra Regione.

Basti pensare che in Italia sono circa un milione le persone affette da azzardopatia e due milioni i giocatori a rischio: i Comuni, che rappresentano il primo argine sul territorio contro questa piaga, devono essere messi nelle condizioni di avere maggiori strumenti, anche normativi, e un potere rafforzato su questa materia. Sempre più spesso le amministrazioni comunali sono infatti messe in difficoltà dagli esercenti e  dalle concessionarie, che hanno presentato negli anni  numerosi ricorsi ai giudici amministrativi contro i tentativi messi in atto per arginare il fenomeno.

Ricordo che  la stessa Corte costituzionale ha ribadito, da ultimo con la sentenza n. 108/2017 – la piena legittimità degli interventi dei Comuni in questo settore e che Regioni ed Enti locali devono avere un ruolo essenziale nella definizione del quadro normativo in materia.

Mentre il Governo, con l’emendamento PD approvato in Commissione Finanze alla ultima legge di Bilancio, ha dimostrato, ancora una volta, di essere interessato più a fare cassa con i proventi del gioco che alla salute dei cittadini – tanto è vero che è stata prorogata di un  anno la possibilità di rilasciare il nulla osta per nuove slot-machine – il M5S ha depositato una proposta di legge per consentire una maggiore possibilità di azione ai Comuni e porre un serio freno, una volta per tutte, a questo fenomeno devastante.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *