BILANCIO VENETO 2018, TAGLI INDISCRIMINATI AI SERVIZI ESSENZIALI E REGALI AI CACCIATORI: IL CONTO LO PAGANO I CITTADINI

Share

C’è da vergognarsi per quello che la Lega con la Giunta Zaia sta facendo, con i nostri soldi, a favore dei cacciatori, in queste ore di discussione del bilancio regionale 2018: oltre  300 mila euro per finanziare le feste delle associazioni venatorie e 150 mila per il nomadismo venatorio, pratica che ricordo essere stata dichiarata incostituzionale dalla Corte!

Tutto ciò mentre  i servizi per i cittadini – dalla cultura (-1.650.000) alla sicurezza  (-380.000 euro), dalla formazione professionale (-930.000) alle scuole paritarie (-11.000.000), passando per lo sport (-1.831.000) e il turismo (-6.400.000) –  vengono tagliati indiscriminatamente, in un’ottica che porterà solo ad un impoverimento generale, a vantaggio dei pochi soliti noti.

Come mai per ingrassare i cacciatori si trovano sempre risorse pubbliche mentre per sostenere le attività del sociale e sanitarie ci sono sempre e solo tagli al bilancio? Non sarà mica che queste regalie sono diventate strategiche per assicurare a Zaia e alla Lega un sostegno elettorale ?

E’ infatti evidente che sulle azioni di Zaia e della sua Giunta è molto forte l’influenza di Berlato e delle potentissime lobby dei cacciatori, presenti e molto forti all’interno del Consiglio regionale.

Ricordo che il Veneto è la Regione con il triste primato per l’abuso di deroghe in materia di caccia e per gli incidenti legati alla pratica venatoria: ciò che realmente serve al nostro territorio è una seria programmazione degli interventi, a lungo raggio in materia ambientale e un rafforzamento della vigilanza venatoria, in grado di garantire, in via effettiva, il presidio del  nostro territorio, e non certo uno spreco ulteriore di denaro pubblico, attraverso una politica regionale pro cacciatori, che negli ultimi anni ha concesso continui favori e  privilegi, facendo pagare il conto ai cittadini veneti sempre più martoriati dai continui tagli ai servizi essenziali.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *